Nuvole grigie

Tramite il mio occhio sul mondo, scorgo basse, piene, avvolgenti nuvole grigie che muovono con apparente lentezza e calcolata misura nel cielo avvicinando quest’ultimo alla terra, portando nel ventre il loro carico, celando l’orizzonte e vegliando sui tetti, sugli alberi, sulle strade. La pioggia sottile e fitta rende lucida ogni cosa e si fa sentire sopra il mio capo in scrosci altalenanti e sicuri.

La luce pigra e smorzata che ne deriva pare l’unica in grado di mostrare la vita nel modo più vero, avvolgendo senza riflessi e brutalità ogni cosa e rivelandone gli autentici colori e l’autentica essenza, in un’atmosfera intima e raccolta, permeata di tepore.

E tutto ciò ha effetto di balsamo sul mio spirito spesso così stanco e provato, lo cheta e ristora infondendogli placido calore, tranquilla i miei sensi e per un poco allontana le mie paure e le mie ansie, mi riscalda il cuore.

E la vita prosegue, attendendo che giunga di nuovo il sole, fonte di vita.

6 Commenti

  1. Non ho più dubbi ; sei un poeta.

    Come non ho mai avuto dubbi sul proverbio popolare : “Il troppo storpia.”
    Pensaci sù. Se al posto di tutta quest’acqua avessimo solo sole, sole e sole, per mesi, o anni.

    Comuque qui da noi a Ginevra anche l’anno scorso è stato così, e giugno è stato un bel mese.
    Se dovessi scegliere un mese per andare in vacanza, statisticamente parlando, sceglierei settembre o ottobre.

    Ciao.

    • Claudio Torretta 18 maggio 2013 a 23:21

      Grazie Thierry troppo buono.
      Sono d’accordo con l’adagio popolare da te citato: l’alternarsi delle stagioni mi è assai gradito, tutte e quattro mi piacciono e da ognuna cerco di trarre i lati migliori.

      • Io non sopporto più l’inverno.

        Non sò se mi dà più fastidio il feddo, la mancanza di luce o dei colori.

        Qui il cielo può restare grigio per settimane e le temperature scendere sotto i -10 °C, aggiungici un pô di Bise, il vento che tira da noi, e la sensazione di freddo scende oltre i -20 °C.

        Faccio una sola eccezione quando sono in montagna, quella vera, diciamo almeno sopra i 1500 m, magari davanti a un bel fuoco e con gli amici, a quel punto posso essere anche al Polo Nord che non me ne fe frega più niente.

        Ciao.

        • Personalmente mi dà fastidio il grigiore.
          Quest’anno in particolare, il fatto che non ci siano ancora stati più di 3 giorni di fila di bel tempo, mi causa ulteriori disagi, ma questo è un altro discorso…
          Sono meteoropatico: se continua così ne esco pazzo 🙂

          • Puce72….
            Siamo in due ad essere meteoropatici…In certi giorni non è solo grigio il cielo, anche la vita ed il mondo intorno a noi.
            Oggi, martedi, le nuvole ci sono ancora ma c’è pure sole o, meglio, ci sono squarci tra le nuvole. Non è molto, ma sempre meglio che prima.
            Attendiamo l’evolversi di questa vicenda…

  2. Leggo solo ora questo tuo post. Non c’ho fatto caso prima.
    Ne ho abbastanza, delle nuvole grigie che finiscono per diventare, immancabilmente, blu – grigio scuro. Da….Non lo so….Ho perso il conto. Fa parte della Natura questo genere di cose, ma ne ho abbastanza lo stesso. ‘Stamattina, domenica di metà maggio mi sono alzato. Nessuna nuvola in giro…..Strano….

    Come non detto: da un’ora dopo per quasi tutta la mattinata, alternarsi di cielo coperto e quasi sereno….Poi…Finalmente, Giove Pluvio s’è deciso: un’intero pomeriggio di quasi bel tempo.

    Mi sono messo quasi a piangere dall’emozione. Forse siamo tornati a Primavera inoltrata, una primavera di metà maggio, finalmente….
    Quanto durerà?